facebook
^Torna in cima

  • 1 La nostra associazione...
    La voglia di aiutare popolazioni meno fortunate, di farlo tutti insieme, di unire le nostre forze...da origine alla nostra associazione...speciale, perchè fatta di persone speciali...
  • 2 I nostri progetti...
    Sempre insieme per dar vita a nuove idee e nuovi progetti...è questo che facciamo tutto l'anno
  • 3 Il loro sorriso...
    La cosa più bella è pensare ai loro sorrisi...capaci di regalare emozioni uniche...emozioni fatte di magia
  • 4 Le nostre ambizioni...
    Il nostro impegno più grande è quello di instaurare un gemellaggio con i giovani della missione di Murayi in Burundi per aiutarli a costruire un centro giovanile.
  • 5 Perchè ascolta l'Africa...
    Perché abbiamo deciso di chiamarla "Ascolta l'Africa "? Perché riteniamo che, prima di agire sul luogo, sia necessario conoscere i bisogni del luogo. In che modo? Relazionandosi con le persone, parlando con loro, ascoltando... L'ascolto implica pazienza, umiltà, concedersi del tempo e riteniamo che "ascoltare" sia soprattutto una nostra doverosa condizione di porci nei confronti dell'altro, chiunque esso sia.

Ascolta l'Africa

Associazione ONLUS

  

ASCOLTA L’AFRICA FESTEGGIA LA QUINTA EDIZIONE

ASCOLTA L’AFRICA FESTEGGIA LA QUINTA EDIZIONE

 

 

Sabato 23 maggio in Piazza Dellepiane si è tenuta la manifestazione conclusiva di Ascolta l’Africa, giunta alla sua quinta edizione, in collaborazione con Acos, e che si inserisce nella serie di iniziative chiamate “Festa dell'acqua, dell'ambiente e della solidarietà”. L’Associazione Ascolta l’Africa, già presente dalle 16 con l’esposizione dei pannelli realizzati dalle Scuole Medie di Novi che hanno partecipato al concorso “Esprimi l’Africa 2008/2009”, la mostra fotografica e i banchetti del tesseramento, del commercio equosolidale, del libro “La chioccia dai pulcini d’oro” della scrittrice Resi Cibabene e dell’oggettistica, ha dato inizio alla manifestazione vera e propria alle 21 con le testimonianze di una rappresentante dell’Associazione, Giada, che ha parlato del progetto “Maison des Jeunes” a Murayi, dove operano le Suore Dorotee di Cemmo, che Ascolta l’Africa si è impegnata a realizzare, e di due ragazzi dell’Associazione La Goccia di Senago, Emanuele e Luca, che hanno raccontato la loro esperienza di volontariato in Africa. Un momento particolarmente toccante è stato il riconoscimento conferito dall’Ufficio Missionario Diocesano alla Professoressa Anna Bondi Melone per il suo servizio di volontariato di oltre quarant’anni per le missioni in terra africana. La premiata, visibilmente commossa per l’inaspettato riconoscimento, oltre al mazzo di fiori ricevuto dal Presidente di Ascolta l’Africa, Don Alfredo Ferrari le ha consegnato personalmente una targa ricordo e una medaglia rappresentante il continente nero. Nel pieno della serata, è giunta la premiazione del concorso “Esprimi l’Africa- Il mondo delle baraccopoli nel continente africano” che ha visto la partecipazione di dodici classi delle Scuole Medie Boccardo e Doria; i pannelli, vagliati da un’attenta giuria, sono stati selezionati in base a tre criteri, quali la pertinenza del tema, la bellezza estetica e la capacità di trasmettere il messaggio. Nove elaborati delle classi III E Boccardo, II E Boccardo, I D Boccardo, II A Boccardo, III D Doria, I B Doria, I D Doria, II A Doria, III E Doria hanno raggiunto il quarto posto a pari merito, aggiudicandosi un attestato di partecipazione, mentre la terza classificata è stata la III A Doria per l’originalità del tema, premiata con un’anfora africana, la seconda è stata la II B Boccardo per la varietà del materiale scelto (carta, stracci), premiata con un batik, e la prima è stata la III A Boccardo per aver centrato tutti e tre i requisiti, premiata con un batik e un attestato di partecipazione. E’ stata premiata con un attestato di riconoscimento anche la I C Doria che, pur essendo fuori concorso, ha svolto un percorso con l’ausilio di alcuni volontari dell’Associazione. La serata è stata magnificamente conclusa con il concerto dei Fermata Groove, dieci elementi che hanno fatto emozionare con acid jazz e funky.

 

 

 

Michela Ferrando

MANIFESTAZIONE “ASCOLTA L’AFRICA 2008”

MANIFESTAZIONE “ASCOLTA L’AFRICA 2008”

 

Sabato 7 giugno in Piazza Indipendenza a Novi Ligure si terrà la consueta manifestazione dell’Associazione Ascolta l’Africa, anche quest’anno con un ricco programma. Già dalle 16 il “Lekyp animazioni per l’Africa” proporrà per i bambini due laboratori manuali a tema: la creazione di una bambola africana e la realizzazione di collane in stile etnico. I laboratori saranno accompagnati dalla presentazione di una favola su una tematica africana nella quale i bambini saranno chiamati a partecipare direttamente e che avrà un finale a sorpresa. Nella piazza sarà anche presente un gonfiabile. Alle 21, dopo i saluti e gli interventi delle Autorità e del Presidente dell’Associazione Ascolta l’Africa, si darà inizio alla manifestazione vera e propria: alle 21,30 si terrà la premiazione del concorso “Esprimi l’Africa” per le migliori opere d’arte figurativa realizzate dai ragazzi delle Scuole Medie di Novi sul tema Africa, mentre alle 22 un rappresentante della Comunità di S.Egidio darà testimonianza sul progetto Dream per la lotta contro l’AIDS in Africa, terapia e prevenzione, sostenuto attivamente dalla Comunità. Alle 22,30 il gruppo “Dounounye Foli”, del Burkina Faso, proporrà al pubblico percussioni, ritmi e danze africane. Durante tutta la serata saranno proiettate immagini sulle problematiche africane e sull’avanzamento del progetto per la costruzione della Casa del Giovane a Murayi in Burundi che Ascolta l’Africa si è impegnata ad attuare. Inoltre, nell’arco dell’intera giornata, sarà possibile visitare la mostra fotografica che ritrae momenti di vita quotidiana in Burundi, accompagnata da alcune frasi tratte dal libro “Madre di diecimila figli “ di Christel Martin, per comunicare al pubblico un esempio di testimonianza missionaria in Africa: la mostra indica cosa si può provare a contatto con una realtà tanto diversa dalla nostra, ma ricca di cuore, di entusiasmo, di forza, di valori, di gioia di dare. Inoltre saranno presenti il banchetto del II circolo didattico di Novi dove verrà esposto il manifesto-giornale realizzato dai bambini per finanziare gli studi ai giovani delle scuole secondarie a Butare in Rwanda, il banchetto divulgativo e di sensibilizzazione ad opera della comunità di S. Egidio in Africa, il banchetto di accoglienza dell’associazione per eventuali informazioni, approfondimenti, tesseramento e la vendita delle magliette ed il banchetto dell’equo-solidale di Novi. Il ricavato della manifestazione verrà devoluto per il proseguimento del progetto Casa del Giovane a Murayi, in Burundi. Per ulteriori informazioni è a disposizione il sito dell’Associazione: www.ascoltalafrica.it.

 

Michela Ferrando

 

 

 

Suor Maria Gardoni

SUOR MARIA GARDONI

Martedì 29 aprile alle 20,30 presso la Casa del Giovane della Parrocchia di S. Pietro, l'Associazione Ascolta l'Africa ha ospitato Suor Maria Gardoni, delle Suore Dorotee di Cemmo, religiosa con un'esperienza missionaria molto lunga in Africa in vari settori: ha iniziato negli anni Settanta a Murayi, in Burundi, dove ha fondato e diretto il dispensario, un ambulatorio medico tutt'ora esistente e oggi guidato dalla diocesi di Gitega. Successivamente si è trasferita nella Repubblica Democratica del Congo, a Bukavu, dove ha diretto una scuola professionale per la formazione di giovani ragazze, infine ha prestato la sua opera di missionaria a Yaoundè, in Camerun, presso la scuola di noviziato. Suor Maria Gardoni, infermiera professionale, assistente sanitaria e tecnica di rianimazione, dopo essersi specializzata ad Anversa nelle malattie tropicali, parte per l'Africa dove incontra Don Livio, che sarebbe diventato parroco di S.Pietro, e Don Alfredo con cui inizia subito una stretta collaborazione. La religiosa ha spiegato le sue difficoltà iniziali con la lingua, il kirundi, un idioma molto lontano dalla nostra, e con la diffidenza iniziale delle donne africane verso cui si orienta la missione di Suor Maria: far capir loro come si deve nutrire un bambino, cercando e, dopo molto tempo, riuscendo a vincere le credenze popolari circa la salute dei bambini, e anche a far dirigere dalle donne africane la farmacia del villaggio. Inoltre ha spiegato la situazione geo-politica del Burundi, una terra funestata dalla guerra civile, senza sbocchi al mare e sempre più arida, così come il Rwanda. Infine la sua missione la porta in Congo, dove ha un compito delicatissimo: cercare di far comprendere cosa significhi diventare sposa del Signore, che dalle ragazze africane è visto come una possibilità per elevarsi socialmente. Suor Maria Gardoni, che negli ultimi anni non presta più la sua opera continuativamente in Africa, ma solo per brevi periodi, ha rivelato, nel corso della conferenza, che è molto difficile capire il continente nero e, nonostante i trent'anni di missione, non l'ha ancora compreso fino in fondo. Partita con l'ideale di cambiare l'Africa, si è ben presto scontrata con una realtà ben diversa, ma non per questo si è mai lasciata abbattere, pur tra mille dubbi, continuando nella sua opera: testimoniare il mistero di Cristo attraverso un'opera di Carità. "E' stato un percorso difficile- ha detto le religiosa- ma è necessario giorno dopo giorno guadagnarsi la loro fiducia. Sono consapevole che i problemi dell'Africa sono tanti e profondi, ma l'africano ha bisogno di essere trattato con verità, in quanto a nulla serve il mero assistenzialismo. Il vero segreto è lottare, saper ascoltare e saper rendere loro autonomi e responsabilizzati: non serve a nulla dare loro il pesce tutti i giorni, ma si deve prima insegnar loro a pescare". Al termine della conferenza, sono state poste molte domande alla religiosa cui ha risposto lasciando ai presenti una frase su cui ognuno possa riflettere nella propria coscienza: "Vola chi osa volare", poiché chi ha paura di volare, resterà sempre con il rimorso di non averlo fatto. Anche se è pericoloso volare, occorre fare una scelta".

 

 

Michela Ferrando

 

 

Tratto da "Il Popolo" di giovedì 15/05/2008

DESINENZA IN A E NON SOLO… (2011)

DESINENZA IN A E NON SOLO…

 

 

Per Desinenza in A, la consueta rassegna dedicata alla Donna, quest'anno l’Associazione Ascolta l'Africa ha organizzato un incontro lunedì 7 marzo alle 21 sul ruolo e l’immagine della donna nel mondo di oggi presso la Sala conferenza della biblioteca civica. La serata, dal titolo “Emancipate?”, dopo l'introduzione di Enrica Bosi, presidente della Consulta comunale delle Pari Opportunità, è proseguita con gli interventi di Laura Guglielmi, direttore responsabile del quotidiano on-line di cultura e tempo libero mentelocale.it che “serve” Milano, Genova, Savona, Imperia e La Spezia e dell’avvocato Matteo Morando. Gli ospiti hanno analizzato la condizione della donna d’oggi che, a dispetto di tante battaglie e conquiste, sembra, nella maggior parte dei casi, ancora ben lontana da un reale e concreto affrancamento, troppo legata, ancora, ad una certa cultura che la vede sempre in una posizione inferiore rispetto all’altro sesso. E quello che è disarmante e preoccupante è che non sembra esserci, almeno da una quota parte di donne, la spinta per liberarsi da questa “soggezione”. Nei due anni precedenti, l’associazione ha affrontato, in occasione della festa della donna, i temi dell’infibulazione e dell’immigrazione femminile. Moderatrice della serata è stata Felicia Broda, Assessore agli Affari Sociali. Ascolta l’Africa, con costanza e determinazione, sta portando avanti il progetto del Centro giovanile a Murayi, attraverso molte iniziative: sabato 13 marzo alle 21 si terrà presso la Chiesa di San Pietro un concerto in cui si alterneranno il soprano russo Laurence De Séve e il maestro di musica Alessandro Trespioli. L’ingresso è ad offerta e il ricavato sarà destinato al sostegno sanitario della missione di Murayi. Sabato 4 giugno sarà dedicato all’annuale manifestazione, con il pomeriggio rivolto ai più piccoli e la serata con riflessioni di alcuni volontari e missionari, cui seguirà concerto finale. Durante la festa, sarà possibile visitare una mostra fotografica che vuole trasmettere, attraverso le immagini, i colori, l’allegria, le luci e i suoni che solo l’Africa sa dare. In autunno, i volontari si recheranno presso le scuole di Novi per far conoscere l’associazione, a novembre sarà allestita la consueta mostra dei quadri con lotteria e a dicembre verranno venduti panettoni e pandori. Inoltre, si vuole potenziare l’acquedotto di Murayi facendo in modo che possa servire tutta la collina di Murayi e non solo la missione, la Chiesa e il dispensario com’è oggi; un altro progetto concerne l’iscrizione a scuola dei ragazzi di Murayi e il sostegno sanitario ai ragazzi che vivono nel centro giovanile. Infine, pochi giorni fa, è arrivato a destinazione il container con arredi e strumenti che servono per completare il centro. E’ stato un traguardo molto importante, non privo di intoppi, realizzato oltre che per l’impegno dei volontari, anche e soprattutto per la generosità di molte persone e ditte che hanno donato computer, sanitari, computer, cancelleria, stoviglie e oggetti vari. Da segnalare, la vendita del libro “Anselmo, il locomotore color pompelmo” scritto da Gianni Caccia, professore di Lettere al Liceo Scientifico di Novi, ed edito da Puntoacapo Editrice per la collana Altre Scritture. Presentato alla Casa del Giovane domenica 20 febbraio, è un libro per ragazzi, ma destinato anche a genitori, educatori ed insegnanti. I ventitré episodi narrano la storia di un locomotore speciale, Anselmo, dotato di voce e sentimenti umani; il lavoro è il frutto della singolare collaborazione dell’autore con il giovanissimo figlio primogenito Francesco, che ha ispirato i brani, nati in forma orale e in un secondo tempo tradotti per iscritto. Il ricavato è stato devoluto dall’autore interamente all’Associazione.

 

Michela Ferrando

 

 

Tratto da “Il Novese” di giovedì 10/03/2011

 

Uno spettacolo teatrale per le scuole in favore dell’Africa

Uno spettacolo teatrale per le scuole in favore dell’Africa

 

Lunedì 26 maggio alle ore 10, presso il Teatro "Giacometti" di Novi, si svolgerà un’interessante iniziativa promossa dall’Associazione "Ascolta l’Africa" rivolta agli alunni delle Scuole Elementari del secondo Circolo della città. Oggetto della mattinata sarà la rappresentazione teatrale dal titolo "Il sogno di Tartaruga", realizzata dalla Compagnia "Il baule volante" di Ferrara. La storia narrata ha molti punti di contatto con lo spirito e i valori che animano l’associazione "Ascolta l’Africa" e per questo motivo è stata scelta come protagonista della giornata. Gli attori daranno voce a numerosi animali tipici africani che creeranno una narrazione avvincente e ricca di contenuti. Come si intuisce dal titolo, protagonisti assoluti dalla storia saranno una tartaruga e il suo sogno; un grande sogno da realizzare con coraggio e costanza. Lo spettacolo inoltre sarà caratterizzato dalla presenza della musica che accompagnerà le diverse scene; tutte le musiche saranno eseguite dal vivo con strumenti "etnici", provenienti in gran parte dall’Africa. I ragazzi e le insegnanti del Secondo Circolo Didattico da anni collaborano con l’Associazione "Ascolta l’Africa"; grazie a questa iniziativa, in particolare, saranno raccolte offerte destinate al sostegno delle numerose attività del gruppo novese. I giovani e le loro insegnanti, inoltre, si impegnano nella realizzazione di un manifesto-giornale, che raccoglie notizie e iniziative sul mondo dell’Africa, distribuito a tutti gli studenti, giunto quest’anno alla terza edizione. La rappresentazione teatrale di lunedì sarà quindi una bella occasione per far vivere e conoscere ai bambini una realtà molto particolare e avvicinarli così a un mondo che spesso appare troppo lontano. Questa iniziativa precede la grande giornata in favore dell’Africa che si terrà il prossimo 7 giugno a Novi. Anche in quella occasione grande spazio e rilievo avranno i più giovani, grazie ai numerosi giochi e alle attività che si svolgeranno nel pomeriggio.

 

Davide Daghino

Dona il 5 X 1000

Dona il cinque x mille

alla nostra associazione.

CF 92027540068

Grazie per il tuo sostegno

Login

Copyright © 2013. Ascoltalafrica  Rights Reserved.