facebook
^Torna in cima

  • 1 La nostra associazione...
    La voglia di aiutare popolazioni meno fortunate, di farlo tutti insieme, di unire le nostre forze...da origine alla nostra associazione...speciale, perchè fatta di persone speciali...
  • 2 I nostri progetti...
    Sempre insieme per dar vita a nuove idee e nuovi progetti...è questo che facciamo tutto l'anno
  • 3 Il loro sorriso...
    La cosa più bella è pensare ai loro sorrisi...capaci di regalare emozioni uniche...emozioni fatte di magia
  • 4 Le nostre ambizioni...
    Il nostro impegno più grande è quello di instaurare un gemellaggio con i giovani della missione di Murayi in Burundi per aiutarli a costruire un centro giovanile.
  • 5 Perchè ascolta l'Africa...
    Perché abbiamo deciso di chiamarla "Ascolta l'Africa "? Perché riteniamo che, prima di agire sul luogo, sia necessario conoscere i bisogni del luogo. In che modo? Relazionandosi con le persone, parlando con loro, ascoltando... L'ascolto implica pazienza, umiltà, concedersi del tempo e riteniamo che "ascoltare" sia soprattutto una nostra doverosa condizione di porci nei confronti dell'altro, chiunque esso sia.

Ascolta l'Africa

Associazione ONLUS

  

Visita a Genova alla Comunità di S.Egidio con i ragazzi del liceo Amaldi di Novi Ligure

           Abbiamo conosciuto la comunità di S. Egidio in occasione dell'incontro, tenutosi presso la Casa del Giovane della Parrocchia di San Pietro in Novi Ligure, dal titolo: "Insieme per un sogno: vincere l'AIDS in Africa", durante il quale ci è stata presentata l'attività della comunità rivolta a combattere questa temibile malattia. Ci è stato però spiegato che i volontari lavorano anche nelle città italiane, a favore dei poveri e dei diseredati. Abbiamo quindi desiderato conoscere queste persone, per renderci conto dell'attività che svolgono.

         L'occasione si è presentata sabato 20 aprile, quando, insieme ai membri dell'Associazione "Ascolta l'Africa" ci siamo recati a Genova, presso la sede della Comunità di S. Egidio di Piazza dell'Annunziata.

         Ci ha accolto Alessandra, che ci ha raccontato come, nel 1968, alcuni studenti del Liceo "Virgilio" di Roma, mentre altri pensavano di indurre un cambiamento nella società utilizzando come strumento la protesta, avessero pensato di fare qualcosa di concreto per il prossimo, ispirandosi alle parole del Vangelo. Iniziarono pertanto a dedicarsi ai più poveri, agli emarginati, ai bambini che andavano a trovare nelle baracche della periferia romana, cercando di colmare anche le carenze dell'istituzione scolastica.

         Da allora i volontari della Comunità sono diventati sempre più numerosi e si dedicano alla triste umanità che spesso la nostra società ignora: senza tetto, drogati, alcolisti ma anche "nuovi poveri" cioè quelle persone che, pur avendo un lavoro o una pensione, non riescono ad "arrivare alla fine del mese".

         Visitando i semplici locali, le volontarie ci hanno detto di desiderare che i loro "amici" si sentano amati e rispettati come persone, perché ciascun uomo, anche il più povero, possiede la sua dignità. Per questo motivo i capi di abbigliamento dismessi che vengono conferiti alla sede della Comunità, devono essere selezionati, controllati e, molti, gettati: inizialmente la cosa ci è sembrata un po' strana, ma poi abbiamo capito lo spirito con cui i volontari agiscono e li abbiamo aiutati a sistemare nei guardaroba i vestiti che avevamo portato da Novi.

         Ogni giorno i membri della Comunità, che essi considerano una vera famiglia, distribuiscono panini, pacchi di generi alimentari e di abbigliamento, non ricevendo nessun aiuto dalle istituzioni e, come loro, sono impegnate nelle varie attività di volontariato decine di associazioni in tutta la città di Genova. Per aiutare le persone nella ricerca del pane quotidiano, di un posto dove poter dormire o lavarsi, in occasione del 40° anniversario della fondazione della Comunità di S. Egidio, è stato stampato e diffuso tra i poveri un libretto contenente tutte le indicazioni necessarie. I meno fortunati troveranno così un luogo in cui soddisfare le proprie necessità primarie ma anche, e non è da sottovalutare, una persona sempre disponibile a scambiare con loro una parola e a condividere la loro situazione di disagio.

 

Megi e Andrea

Classe I B

Liceo Amaldi - sezione classica

Dona il 5 X 1000

Dona il cinque x mille

alla nostra associazione.

CF 92027540068

Grazie per il tuo sostegno

Login

Copyright © 2013. Ascoltalafrica  Rights Reserved.