facebook
^Torna in cima

  • 1 La nostra associazione...
    La voglia di aiutare popolazioni meno fortunate, di farlo tutti insieme, di unire le nostre forze...da origine alla nostra associazione...speciale, perchè fatta di persone speciali...
  • 2 I nostri progetti...
    Sempre insieme per dar vita a nuove idee e nuovi progetti...è questo che facciamo tutto l'anno
  • 3 Il loro sorriso...
    La cosa più bella è pensare ai loro sorrisi...capaci di regalare emozioni uniche...emozioni fatte di magia
  • 4 Le nostre ambizioni...
    Il nostro impegno più grande è quello di instaurare un gemellaggio con i giovani della missione di Murayi in Burundi per aiutarli a costruire un centro giovanile.
  • 5 Perchè ascolta l'Africa...
    Perché abbiamo deciso di chiamarla "Ascolta l'Africa "? Perché riteniamo che, prima di agire sul luogo, sia necessario conoscere i bisogni del luogo. In che modo? Relazionandosi con le persone, parlando con loro, ascoltando... L'ascolto implica pazienza, umiltà, concedersi del tempo e riteniamo che "ascoltare" sia soprattutto una nostra doverosa condizione di porci nei confronti dell'altro, chiunque esso sia.

Ascolta l'Africa

Associazione ONLUS

  

Un container per inviare materiali e strutture per completare la Casa del Giovane in Burundi

 

 

 

Continuano le iniziative e i progetti dell’Associazione missionaria “Ascolta l’Africa”; in questi mesi l’attenzione dei volontari è tutta concentrata sull’invio di un container in Burundi per spedire i materiali e le strutture necessarie al completamento della “Casa del Giovane” di Murayi. La Maison des Jeunes, la Casa del Giovane della Missione Diocesana di Murayi, è cresciuta insieme ad Ascolta l'Africa: questo gruppo della Parrocchia di San Pietro di Novi è nato nel 2006 con l'obiettivo di prodigarsi per aiutare a realizzare il progetto desiderato dai ragazzi di Murayi e dalle Suore della missione. La costruzione del Centro, dopo un lungo lavoro di sensibilizzazione e di raccolta fondi, potrebbe dirsi pronta nelle sue strutture portanti, infatti, già viene utilizzata dai ragazzi di Murayi per riunirsi al riparo dalla pioggia; tuttavia al suo effettivo completamento mancano i pavimenti, i servizi, gli arredamenti e gli impianti interni, tutti elementi che la trasformeranno in una struttura funzionale non solo come semplice riparo. Al fine di arrivare a completare il Centro giovanile, l'Associazione Ascolta l'Africa ha progettato l'invio a Murayi, entro la fine dell’anno, di un container con gli arredi e con i materiali necessari a installare i vari impianti. A questo progetto siamo chiamati tutti, insieme ai vari gruppi parrocchiali della Diocesi desiderosi di partecipare. Presso l'home page del sito dell'Associazione, www.ascoltalafrica.it, è possibile trovare un elenco dei materiali utili; per chi avesse oggetti da donare e per chi volesse collaborare il contatto è l'indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. . La partecipazione e la collaborazione di tutta la comunità della Diocesi sono e sono stati un preziosissimo strumento per aiutare Ascolta l'Africa nella sua Missione; proprio questa solidarietà e questa sensibilità hanno consentito nel 2007 di superare le numerose difficoltà progettuali e di iniziare i lavori per il Centro Giovanile. Infatti, sono confluiti in questo progetto fondi diocesani di ogni genere: eredità, contributi personali e di Associazioni varie. Il tutto è iniziato con la preparazione del terreno, tagliando gli alberi ed estraendo le enormi radici, livellando e scavando le fondamenta. Sia questa che altre fasi successive sono state realizzate proprio dai giovani di Murayi, il sabato o durante le vacanze scolastiche e senza l’aiuto di mezzi meccanici ausiliari, pressoché inesistenti nella zona; grazie a questi campi di lavoro, i ragazzi hanno potuto acquistare libri di scuola o pagare la retta per l’anno scolastico. Poi è iniziata la costruzione dei due blocchi che compongono la struttura: il primo comprendente uffici, sala computer, biblioteca, dormitorio per le ragazze e bagni; il secondo un salone studio ed uno per l’animazione. Nella prima metà del 2008 i muri delle due strutture erano ormai completati e grazie alle campagne di raccolta fondi, e ad altre iniziative dell'Associazione nella seconda metà dell'anno si è potuto terminare anche il tetto. Oggi "Ascolta l'Africa" fa di nuovo appello a quella sensibilità cristiana della Comunità per perseguire fino in fondo il suo progetto di solidarietà e fratellanza.

 

Davide Daghino

 

 

 

Visualizza la locandina

Dona il 5 X 1000

Dona il cinque x mille

alla nostra associazione.

CF 92027540068

Grazie per il tuo sostegno

Login

Copyright © 2013. Ascoltalafrica  Rights Reserved.